Rime (Guittone d'Arezzo)/De vertù de scienzia, il cui podere

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
De vertù de scienzia, il cui podere

../O d'onni bono bon, bona vertue ../Tu, costante e sicuro fondamento IncludiIntestazione 13 settembre 2008 75% poesie

Guittone d'Arezzo - Rime (XIII secolo)
De vertù de scienzia, il cui podere
O d'onni bono bon, bona vertue Tu, costante e sicuro fondamento


[p. 241 modifica]

188

L’umiltá.


     Tu, costante e sicuro fondamento
de vertù tutta e guardia, umilitate,
for cui del tutto vanno in perdimento
4perdon, grazi’ ed onor, e son sdegnate;
     e in cui prendon pregio e piacimento
e da Dio e da om son meritate.
Teco tenendo, nullo è cadimento,
8ni male alcun sor te ha podestate.
     Tu onni iniqui e rei vinci de leve,
non sol corpo ma core seguon tee;
11diavol conquidi e Dio fai che voi fare.
     Al poder tuo non po poder, né deve;
ben è beato quelli, ove ben see,
14e dove no, miser del tutto appare.