Rime (Guittone d'Arezzo)/Dett'ho de dir: dirò, gioia gioiosa

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Dett'ho de dir: dirò, gioia gioiosa

../Ahi dolce gioia, amara ad opo meo ../Eo t'aggio inteso e te responderaggio IncludiIntestazione 13 settembre 2008 75% poesie

Guittone d'Arezzo - Rime (XIII secolo)
Dett'ho de dir: dirò, gioia gioiosa
Ahi dolce gioia, amara ad opo meo Eo t'aggio inteso e te responderaggio


[p. 157 modifica]

37

Dichiara d’amar «gioia» piú d’ogni altra cosa.


     Dett’ho de dir: dirò, gioia gioiosa,
e credo piaccia voi darmi odienza;
però ch’omo mentir e dir ver osa,
4for prova non abbiate in me credenza:
     dico che v’amo sí, ch’ogni altra cosa
odio inver voi di coral malvoglienza,
e no è pena tanto dolorosa,
8ch’eo non soffrisse, in far vostra piagenza.
     E me e ’l mio, e ciò ch’i posso e vaglio
dono voi, cui fedel star più mi piace,
11ch’esser de tutto esto mondo amiraglio.
     Voglio da voi sol che ’l portiate in pace;
che ciò, pensando, sia, tutto mi squaglio
14del gran dolzor, ch’entr’a lo cor mi face.