Rime (Guittone d'Arezzo)/Ahi dolce gioia, amara ad opo meo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Ahi dolce gioia, amara ad opo meo

../Gioiosa gioi, sovr'onni gioi gioiva ../Dett'ho de dir: dirò, gioia gioiosa IncludiIntestazione 13 settembre 2008 75% poesie

Guittone d'Arezzo - Rime (XIII secolo)
Ahi dolce gioia, amara ad opo meo
Gioiosa gioi, sovr'onni gioi gioiva Dett'ho de dir: dirò, gioia gioiosa


[p. 157 modifica]

36

Si conforta a non temere.


     Ahi dolce gioia, amara ad opo meo,
perché, taipino, ho voi tanto dottare,
ch’orso non sete, né leon, par Deo,
4ma cosa che no po né sa mal fare?
     Or, se fuste un dragon, ché non pens’eo
che vi farebbe un angelo tornare
lo cor benigno e la gran fede ch’eo
8aggio locata e missa in voi amare?
     Non che vi sento e vi conosco tale,
se fussevi mortalmente nemico,
11voi me non osereste voler male.
     Tant’è lo vostro cor cortese, amico,
d’amor dolce, pietoso e naturale,
14perch’eo mi riconforto e di dir dico.