Rime (Guittone d'Arezzo)/Gioiosa gioi, sovr'onni gioi gioiva

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Gioiosa gioi, sovr'onni gioi gioiva

../Piagente donna, voi ch'eo gioi appello ../Ahi dolce gioia, amara ad opo meo IncludiIntestazione 13 settembre 2008 75% poesie

Guittone d'Arezzo - Rime (XIII secolo)
Gioiosa gioi, sovr'onni gioi gioiva
Piagente donna, voi ch'eo gioi appello Ahi dolce gioia, amara ad opo meo


[p. 156 modifica]

35

Gli è amaro tacere; ma, se vuol dire, si raddoppia la sua pena.


     Gioiosa gioi, sovr’onni gioi gioiva,
onni altra gioi ver voi noia mi sembra,
perch’eo n’ho tanto l’anima pensiva,
4che mai de cosa null’altra mi membra,
     che a vedere como porto o riva
prender potesse intra le vostre membra,
poi senza ciò non mi sa ben ch’eo viva,
8tant’a lo cor vostra beltá mi membra.
     Ma no al mondo è signor sí crudele,
che, men dottando, no li offrisse morte;
11a voi lo core meo sempre fedele
     però dimora intra crudele sorte:
ché tacer mi fa ’l cor più amar che fele,
14se dir voglio, la pena è dobbra forte.