Rime (Guittone d'Arezzo)/Dica, o dir faccia, a lei che sormaggio ène

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Dica, o dir faccia, a lei che sormaggio ène

../Ed en ciascuna volsi conto e saggio ../Ver la maggio si vol quasi tenere IncludiIntestazione 13 settembre 2008 75% poesie

Guittone d'Arezzo - Rime (XIII secolo)
Dica, o dir faccia, a lei che sormaggio ène
Ed en ciascuna volsi conto e saggio Ver la maggio si vol quasi tenere


[p. 187 modifica]

97

Cosa deve l’amante dire alla «sormaggio»,.


     Dica, o dir faccia, a lei che sormaggio ène,
che ’l sembiante benevol e pietoso,
che ’l piacente piacer che ’n viso tene,
4e ’l gran bellor del suo stato amoroso,
     e ’l pregio fin, ch’al suo valor convene,
e ’l dire e ’l far di lei sí agrazioso,
e tutto ciò che donna ave de bene,
8che ’n lei trova om che di natura è uso,
     la fa piacer sí dolzemente, ch’ello
è lei coralmente fedel, quanto
11è sol per ubidir ciò che l’è bello;
     e che merto di ciò vole sol tanto,
che lei piaccia che suo, senza robello,
14sia mentre vive; e hal mertato manto.