Rime (Guittone d'Arezzo)/Dispregio pregio u' non pregi'ha pregianza

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Dispregio pregio u' non pregi'ha pregianza

../Lo nom' al vero fatt' ha parentado ../In ogne cosa vol senno e misura IncludiIntestazione 13 settembre 2008 75% poesie

Guittone d'Arezzo - Rime (XIII secolo)
Dispregio pregio u' non pregi'ha pregianza
Lo nom' al vero fatt' ha parentado In ogne cosa vol senno e misura


[p. 263 modifica]

231

Gioco di parole.


     Dispregio pregio u’ non pregi’ha pregianza,
ni laudar laudo u’ laudan essi laudando;
nomino, ma u’ nomar dea nomanza,
4pisana usanza vetusa uso usando.
     Cortes da corte accort’hai cortesanza,
sigur sigura siguri non sigurando,
dotta non dotti u’ dotta t’è dottanza,
8manda se mandi a che mandasti mando.
     Aude che audi audii chero audienza,
a mundo in mundo mundo a che mundano,
11a gaudo gaudo u’ gaudei non gaudente;
     Pare non pare che sparvi a mia parvenza,
vanii in vana vanitade vano,
14non posso e posso al poder del possente.