Rime (Guittone d'Arezzo)/Lo nom' al vero fatt' ha parentado

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Lo nom' al vero fatt' ha parentado

../Vogl'e ragion mi convit'e rechere ../Dispregio pregio u' non pregi'ha pregianza IncludiIntestazione 13 settembre 2008 75% poesie

Guittone d'Arezzo - Rime (XIII secolo)
Lo nom' al vero fatt' ha parentado
Vogl'e ragion mi convit'e rechere Dispregio pregio u' non pregi'ha pregianza


[p. 262 modifica]

230

A Meo Abbracciavacca, per rallegrarsi del suo ritorno.


     Lo nom’al vero fatt’ha parentado:
le vacche par che t’abbian abracciato,
over che t’han le streg’amaliato,
4tanto da lunga se’ partit’o’ vado.
     Zara dirieto m’ha gittato ’l dado:
ciò non serea se l’avesse grappato.
Allegro son, tu Meo che se’ tornato;
8se pelegrin fusti, ciò m’è a grado.
     Non, credo, nato fusti da Pistoia,
ma da Pistoia fu la tua venuta,
11sí tardo movimento far ti sento.
     Natura ten’pur di mulin da vento:
nun loco mostra sempre tua paruta;
14chi sol è a sé, non vive senza noia.