Rime (Guittone d'Arezzo)/Vogl'e ragion mi convit'e rechere

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Vogl'e ragion mi convit'e rechere

../Lo dire e 'l fatto tutto certo e 'l sono ../Lo nom' al vero fatt' ha parentado IncludiIntestazione 12 settembre 2008 75% Sonetti

Guittone d'Arezzo - Rime (XIII secolo)
Vogl'e ragion mi convit'e rechere
Lo dire e 'l fatto tutto certo e 'l sono Lo nom' al vero fatt' ha parentado


[p. 262 modifica]

229

Umiltá lo intimorisce nel dir le lodi che vorrebbe.


     Vogl’e ragion mi convit’e rechere
in voi laudar, valente e car valore;
ma picciul mio e gran vostro savere
4e troppo umilitá mi fa temore.
     Lo picciul meo è non bene accompiere,
o’ la ragion de vostro orrato onore;
vostro grand’è, ch’omo saggial d’odere:
8chi lauda in faccia lo fragella in core.
     E umiltá, cui è propio biasmare
e vil tener lo suo posseditore,
11sí come vil alt’om caro stimare,
     temo vi metta laude in disamore;
perch’io mi taccio e vi lasso laudare
14a quel sommo etternal ben laudatore.