Rime (Guittone d'Arezzo)/Eo non son quel che chera esser amato

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Eo non son quel che chera esser amato

../Amor, se cosa è che 'n signoria ../Ahi Deo, chi vidde mai tal malatia IncludiIntestazione 13 settembre 2008 75% poesie

Guittone d'Arezzo - Rime (XIII secolo)
Eo non son quel che chera esser amato
Amor, se cosa è che 'n signoria Ahi Deo, chi vidde mai tal malatia


[p. 150 modifica]

23

Chiede d’amare cosí come la donna ama lui.


     Eo non son quel che chera esser amato
tanto com’amo ’ben, com’altro face;
ma pur chero d’amar sí di bon grato
4e sí coralemente e sí verace,
     como madonna m’ama, e fora orrato
e pago en ciò che più forte me piace.
E no e più del suo voler gravato
8alcun, ch’eo so del meo: sí mi dispiace,
     che m’è dolor mortal vedere amare
piacent’omo talor donna non bella,
11e non amerá lui, ma le dispare;
     e trovo me che non guari amo quella
che m’ama forte e che piacente pare
14in tutte cose ove bieltá s’apella.