Rime (Guittone d'Arezzo)/Grazie e merzé voi, gentil donna orrata

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Grazie e merzé voi, gentil donna orrata

../Eo t'aggio inteso e te responderaggio ../Eo non tegno già quel per bon fedele IncludiIntestazione 13 settembre 2008 75% poesie

Guittone d'Arezzo - Rime (XIII secolo)
Grazie e merzé voi, gentil donna orrata
Eo t'aggio inteso e te responderaggio Eo non tegno già quel per bon fedele


[p. 158 modifica]

39

Il poeta la ringrazia della risposta cortese e la esorta ad esser fiduciosa nel suo amore.


     Grazie e merzé voi, gentil donna orrata,
dell’udienza e del responso gente,
ch’io non udio mai donna, altra fiata,
4parlasse tanto dibonairamente,
     che non si dice per parola ornata:
che giá non m’osa quasi esser spiacente;
e sí, che tale gioia in cor m’ha data,
8che mai non credo siame nòi nocente.
     Amo sol quel che v’è prode ed orranza;
fedel son d’ubidir vostro comando;
11tal fede chero e tal amor m’avanza.
     Consiglio vo che tosto e non dottando
de mi’ amar e de mia fe, fidanza
14prendiate, como sia vostro comando.