Rime (Guittone d'Arezzo)/Lo dolor e la gioi del meo coraggio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Lo dolor e la gioi del meo coraggio

../Eo non tegno già quel per bon fedele ../Deo, con dimandi ciò, che t'ho donato IncludiIntestazione 13 settembre 2008 75% poesie

Guittone d'Arezzo - Rime (XIII secolo)
Lo dolor e la gioi del meo coraggio
Eo non tegno già quel per bon fedele Deo, con dimandi ciò, che t'ho donato


[p. 159 modifica]

41

Il poeta gioisce per l’accoglienza fatta alle sue parole, si duole del dubbio, e prega di fornirgli il modo di dimostrare le sue intenzioni.


 
     Lo dolor e la gioi del meo coraggio
non vo poria, bona donna, contare;
ché dolor ho, che m’è d’onn’altro maggio,
4che voi pur reo voletemi pensare;
     gioi ho di ciò, che mio amore e mio omaggio
vi piace, al modo de lo meo parlare;
ma non mi torna guaire in allegraggio,
8se voi per fin non mi posso aprovare.
     Però vo prego, per merzé, che agio
e loco date me, du’ pienamente
11demostri voi, s’eo son bon o malvagio.
     E, s’eo son bon, piaccia vo pienamente,
e s’eo so reo, sofrir pena e mesagio
14voglio tutto, sì con voi serà gente.