Rime (Guittone d'Arezzo)/Messer Bottaccio amico, ogn'animale

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Messer Bottaccio amico, ogn'animale

../O motto vile e di vil cor messaggio ../Se vole, amico, amor gioi a te dare IncludiIntestazione 13 settembre 2008 75% poesie

Guittone d'Arezzo - Rime (XIII secolo)
Messer Bottaccio amico, ogn'animale
O motto vile e di vil cor messaggio Se vole, amico, amor gioi a te dare


[p. 222 modifica]

154

Rimprovera all’amico messer Bottaccio di non ben seguire umana dirittura.


 
     Messer Bottaccio amico, ogn’animale
dico razionale,
in quanto ten ragion di sua natura;
e om, ch’ha legge e ragion naturale,
5ben cernendo da male,
e in disragionata opera dura,
     dico piò d’onne bestia è bestiale.
Ô onta e danno, a tale,
ragion; ché non ragion, ma voler cura.
10No scienza aver, ma scienza operar, vale;
e matt’è via più quale,
se mal fa, piò sa arte o iscrittura.
     E voi, messer, che non bestial figura,
ma cara, umana e pura,
15de gran lignaggio e grandi amici sete,
ahi, che gran torto avete,
non ben seguendo umana dirittura!

[p. 223 modifica]

Mercé donque: se giá montar volete,
non deletto seguete,
20ma sol vertù, ch’ogni dificio mura,
o’ pregio e amor dura;
vizio d’onni ben strugge onni parete.