Rime (Meo de' Tolomei)/18 - A nulla guisa me posso soffrire

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
A nulla guisa me posso soffrire

../17 - – Le gioi’ ch’i’ t’ho recate da Veneza ../19 - Mie madre sì m’insegna medicina IncludiIntestazione 20 maggio 2009 75% Sonetti

Meo de' Tolomei - Rime (XIII secolo)
A nulla guisa me posso soffrire
17 - – Le gioi’ ch’i’ t’ho recate da Veneza 19 - Mie madre sì m’insegna medicina

 

CARIBETTO



     A nulla guisa me posso soffrire
ch’ëo non comenze a dire
de Min Zeppa ciò che men par sentire:
come se crede en gran pregio venire
5per lo solo scremire,
e ’n una dass’al fuggire
quando vede apparire
li nemici; già retro non se mira.

     E per sé ’ncontro fa sì gran bradire
10che ogn’om mett’al morire,
ma sol bisogno e vogli’ ha di dormire.
Ma quando sa ch’e’ li convegna gire
en loco da ferire,
s’ell’avesse en sé l’ardire
15com’ell’ha en sé rapire,
de la soa vira prenderia non ira,
     anzi conforto, ché morto seria
cert’e scampar non poria;
e s’ell’avesse en sé de vigoria,
20en alcuna battaglia remarria:
altr’a Deo non cherria.
Ma la soa gran codardia
lui fa partir en pria
che nessun se departa, tanto ’l tira
     25fuggendo che par una saettìa,
così tosto, e più, va via.
Or dunqua como ne verrò a la mia?
ché de soa morte tardi se morria.
Megli’ è che me ne stia
30e più pensèr non mi dia
de quel che non varria;
ma far nol posso, ché ’l cor me sospira
de la voglia
ch’egli remanesse
35en loco che ’l fuggir non li valesse.
Però nol voglio fare,
ch’anzi me ne voglio stare:
fazza Deo ciò ch’a lui pare,
ch’io starò
40fermo là unqua ’l vedrò
e già per lu’ non me departirò.

     E la voglia
crederia crescesse,
sed eo per lui de loco me movesse;
45ma non lo voglio fare,
ch’anzi ’l vo’ tanto notare
ch’io me ne vo’ regalare;
poi dirò
de lui ciò ch’io saverò:
50e degli atti e dei fatti conterò.

     Del corsetto
si face taulazzo
e’ guanti porta sotto ’l brazzo.
E de’ piè fa corona
55e sì forte s’abbandona
ch’ad ogn’om par terza o nona.
Così sta
de’ gran passi che non dà:
nessuno campa degli atti che fa.

     60Caribetto,
già mai più non fazzo
de quel cattivo, ché ne scrivo e ’mpazzo;
e già mai cosa bona
de così fatta persona
65non si poria dir nessona.
Così fa:
dirve vo’ degli atti c’ha:
or vi dirò de quel ch’ogn’om non sa.

     Già guarda de pónte
70mette ’mmantenente,
prestamente,
con la mente
de bona scremita:
fa colpi da traversa
75con la lanza,
ed a sacco mette;
e sì svaria i tratti
che non ne viddi mai de così fatti,
né vedrò tutt’i miei dì.

     80Con le gambe storte
salta ’mmantenente
e fra gente
caunoscente
col bradir s’aita;
85colpi a mano reversa
non so’ en Franza;
e già mai non stette
fermo en li so’ fatti;
ma s’elli odesse dire: « gatti! gatti! »
90fuggerebbe certo, sì.

     E de quel ladro dico
ch’al figlio furarebbe,
traderebbe,
sì farebbe.
95Vero è ch’eo me beffo, ma consejo
ad ogn’om che se guarde,
ch’ogne male farebbe tant’è reo.
Or como ’l può soffrir Domene Deo
ne la soa malvagità?

     100Se fosse al tempo antico,
chi lo saetterebbe,
ch’i darebbe,
ch’i trarrebbe
e d’un maglion nocesse; ma ben vejo
105ch’ogn’omo lo reguarde.
Ched ogn’omo, così volesse Deo,
del suo fego ’l pagasse, al voler meo,
de la soa malvagità.

     Ma s’ell’è cattivissimo
110che credo che la gente lo desdegna
de dargli, o de fargl’increscimento;
ma non me ne contento.
Meglio per un cento
serebbe a me, ch’ogni su’ mal m’è bene.

     115E ’l mento ha sì longisssimo
che qualunqua lo vede se ne segna;
e prendene sì grande smarrimento
che de piano convento
perde ’l suo talento:
120’nanzi vorrebbe soffrir forti pene.

     E ’l naso ha sì acutissimo
che pare una lesina di tragole;
ma’ che tragole non pò gir più sù.

     Se morisse ’l tristissimo,
125morrebbe pur una volta quel diavole:
megli’ è che mora mill’e mille più.

     Néd amore,
né sentore,
traditore,
130celatore,
d’ogni errore
porta en core;
non ha se non de dir palore:
pur parlando con altri sta in gota
135e spessamente si fa una rota:
e già mai de pavone.
Un sì fatto pazzarone,
e’ tèn sé savio ’ garzone!
Ed oisé, che non sa ’l secol, oisé!
140e’ dice che ogn’om li par de fé.

     Non tardando va a lui; e li dinota,
deh caribetto, ch’eo faccio ’na nota:
se, per reprensione,
di ciò lassarò
145e non ne dirò
ciò ch’eo saverò,
lass’ a te, oimé,
falli le fiche e dì: « Min Zeppa, tè »;
fallile tosto, s’él ten cal di me.