Rime (Michelangelo)/12. Com'arò dunche ardire

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
12. Com'arò dunche ardire

../11. Quanto sare' men doglia il morir presto ../13. La fama tiene gli epitaffi a giacere; non va né inanzi né IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

12. Com'arò dunche ardire
11. Quanto sare' men doglia il morir presto 13. La fama tiene gli epitaffi a giacere; non va né inanzi né
[p. 7 modifica]

 
  Com’arò dunche ardire
senza vo’ ma’, mio ben, tenermi ’n vita,
s’io non posso al partir chiedervi aita?
Que’ singulti e que’ pianti e que’ sospiri
che ’l miser core voi accompagnorno,5
madonna, duramente dimostrorno

[p. 8 modifica]

la mia propinqua morte e ’ miei martiri.
Ma se ver è che per assenzia mai
mia fedel servitù vadia in oblio,
il cor lasso con voi, che non è mio.10