Rime (Michelangelo)/245. Se 'l volto di ch'i' parlo, di costei

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
245. Se 'l volto di ch'i' parlo, di costei

../244. Se 'l duol fa pur, com'alcun dice, bello ../246. Te sola del mie mal contenta veggio IncludiIntestazione 7 maggio 2009 75% Poesie

245. Se 'l volto di ch'i' parlo, di costei
244. Se 'l duol fa pur, com'alcun dice, bello 246. Te sola del mie mal contenta veggio
[p. 116 modifica]

 
  - Se ’l volto di ch’i’ parlo, di costei,
no’ m’avessi negati gli occhi suoi,
Amor, di me qual poi
pruova faresti di più ardente foco,
s’a non veder me’ lei5
co’ suo begli occhi tu m’ardi e non poco?
- La men parte del gioco
ha chi nulla ne perde,
se nel gioir vaneggia ogni desire:
nel sazio non ha loco10
la speme e non rinverde
nel dolce che preschive ogni martire -.
Anzi di lei vo’ dire:
s’a quel c’aspiro suo gran copia cede,
l’alto desir non quieta tuo mercede.15