Rime (Michelangelo)/246. Te sola del mie mal contenta veggio

Da Wikisource.
246. Te sola del mie mal contenta veggio

../245. Se 'l volto di ch'i' parlo, di costei ../247. Caro m'è 'l sonno, e più l'esser di sasso IncludiIntestazione 7 maggio 2009 75% Poesie

246. Te sola del mie mal contenta veggio
245. Se 'l volto di ch'i' parlo, di costei 247. Caro m'è 'l sonno, e più l'esser di sasso

 
  Te sola del mie mal contenta veggio,
né d’altro ti richieggio amarti tanto;
non è la pace tua senza il mio pianto,
e la mia morte a te non è ’l mie peggio.
Che s’io colmo e pareggio5
il cor di doglia alla tua voglia altera,
per fuggir questa vita,
qual dispietata aita
m’ancide e strazia e non vuol poi ch’io pera?
Perché ’l morir è corto10
al lungo andar di tua crudeltà fera.
Ma chi patisce a torto
non men pietà che gran iustizia spera.
Così l’alma sincera
serve e sopporta e, quando che sia poi,15
spera non quel che puoi:
ché ’l premio del martir non è tra noi.