Rime (Michelangelo)/247. Caro m'è 'l sonno, e più l'esser di sasso

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
247. Caro m'è 'l sonno, e più l'esser di sasso

../246. Te sola del mie mal contenta veggio ../248. Dal ciel discese, e col mortal suo, poi IncludiIntestazione 7 maggio 2009 75% Poesie

247. Caro m'è 'l sonno, e più l'esser di sasso
246. Te sola del mie mal contenta veggio 248. Dal ciel discese, e col mortal suo, poi
[p. 117 modifica]

 
  Caro m’è ’l sonno, e più l’esser di sasso,
mentre che ’l danno e la vergogna dura;
non veder, non sentir m’è gran ventura;
però non mi destar, deh, parla basso.