Rime (Michelangelo)/83. Veggio nel tuo bel viso, signor mio

Da Wikisource.
83. Veggio nel tuo bel viso, signor mio

../82. Non posso altra figura immaginarmi ../84. Sì come nella penna e nell'inchiostro IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

83. Veggio nel tuo bel viso, signor mio
82. Non posso altra figura immaginarmi 84. Sì come nella penna e nell'inchiostro

 
  Veggio nel tuo bel viso, signor mio,
quel che narrar mal puossi in questa vita:
l’anima, della carne ancor vestita,
con esso è già più volte ascesa a Dio.
  E se ’l vulgo malvagio, isciocco e rio,5
di quel che sente, altrui segna e addita,
non è l’intensa voglia men gradita,
l’amor, la fede e l’onesto desio.
  A quel pietoso fonte, onde siàn tutti,
s’assembra ogni beltà che qua si vede10
più c’altra cosa alle persone accorte;
  né altro saggio abbiàn né altri frutti
del cielo in terra; e chi v’ama con fede
trascende a Dio e fa dolce la morte.