Rime (Saibante)/Guido per vasto mar la fragil barca

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto (Guido per vasto mar la fragil barca)

../Io sento un venticel che dolce spira ../«Pace non trovo, e non ho da far guerra» IncludiIntestazione 17 aprile 2016 100% Da definire

Sonetto (Guido per vasto mar la fragil barca)
Io sento un venticel che dolce spira «Pace non trovo, e non ho da far guerra»
[p. 15 modifica]

SONETTO


Guido per vasto mar la fragil barca,
     Che ’l vento intorno e la nera onda preme;
     E lo spavento sol vien meco insieme,
     Che fa gir l’alma di conforto scarca.

Odo voce: Per quinci alcun non varca.
     Onde altamente il cor più che anzi teme;
     Sicchè da me ne vola omai la speme,
     E lo stame è in poter della ria Parca.

Signor, ben vedi come seco porta
     Lunge dal lido la mia navicella
     La folta turba de’ rei venti insorta:

Onde tu per mercè l’alma tua stella
     Fammi veder, che lieta pace apporta;
     E tosto cesserà l’atra procella.