Rime (Saibante)/Io sento un venticel che dolce spira

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto (Io sento un venticel che dolce spira)

../In morte di Lodovico Muratori ../Guido per vasto mar la fragil barca IncludiIntestazione 17 aprile 2016 100% Da definire

Sonetto (Io sento un venticel che dolce spira)
In morte di Lodovico Muratori Guido per vasto mar la fragil barca
[p. 14 modifica]

SONETTO


Io sento un venticel che dolce spira
     A queste amene collinette intorno,
     Onde lieto il pastor dal suo soggiorno
     L’esce a incontrar con la sua agreste lira.

Odo la tortorella che sospira
     Il suo fedel, che a lei non fa ritorno;
     E dolente dal faggio al pino, all’orno
     Soletta invan la notte e ’l dì s’aggira.

E veggo là nel prato rigoglioso
     Il giglio alzarsi infra l'erbetta molle,
     E il sen la rosa aprir vago, odoroso.

Ma ancor non veggo il caro Elpino al colle
     Guidar, siccome un dì, l’agne amoroso:
     Ah! forse nuovo amor nel sen gli bolle?