Rime (Saibante)/Ogni più cupa valle, ogn'antro fosco

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto (Ogni più cupa valle, ogn'antro fosco)

../«Pace non trovo, e non ho da far guerra» ../O Tu, che ne' superni aurati scanni IncludiIntestazione 17 aprile 2016 100% Da definire

Sonetto (Ogni più cupa valle, ogn'antro fosco)
«Pace non trovo, e non ho da far guerra» O Tu, che ne' superni aurati scanni
[p. 17 modifica]

SONETTO


Ogni più cupa valle, ogn’antro fosco,
     Ahi lassa! ho cerco in questa parte e ’n quella,
     Onde scampo all’antica acerba e fella
     Doglia ritrovi, che ’l mel cangia in tosco.

Ma l’empia per mio mal sempre vien nosco,
     O s’attuffi l’eterna aurea facella
     Nell’onde, o a noi sen rieda e viva e bella
     Le piagge ad allumar, il colle, il bosco.

»Che debb’io far? che mi consigli, Amore?
     O Amor, d’ogni mio mal vera radice,
     Da che quest’alma ti fece signore.

Deh! per mercè soccorri all’infelice,
     E da sì lunga doglia afflitto core,
     S’unquanco a te chieder pietà mi lice.