Rime (Stampa)/Rime d'amore/CCXVIII

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

CCXVIII

../CCXVII ../CCXIX IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CCXVII Rime d'amore - CCXIX

[p. 117 modifica]

CCXVIII

Sullo stesso argomento.

     Dove volete voi ed in qual parte
voltar speme e disio che piú convegna,
se volete, signor, far cosa degna
di quell’amor, ch’io vo spiegando in carte?
     Forse a Dio? Già da Dio non si diparte
chi d’Amor segue la felice insegna;
Ei di sua bocca propria pur c’insegna
ad amar lui e ’l prossimo in disparte.
     Or, se devete amar, non è via meglio
amar me, che v’adoro e che ho fatto
del vostro vago viso tempio e speglio?
     Dunque amate, e servate, amando, il patto
c’ha fatto Cristo; ed amando io vi sveglio
che amiate cor, che ad amar voi sia atto.