Rime (Stampa)/Rime d'amore/CCXIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

CCXIX

../CCXVIII ../CCXX IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CCXVIII Rime d'amore - CCXX

[p. 118 modifica]

CCXIX

Riamata, gioisce.

     Ben si convien, signor, che l’aureo dardo
Amor v’abbia aventato in mezzo il petto,
rotto quel duro e quel gelato affetto,
tanto a le fiamme sue ritroso e tardo,
     avendo a me col vostro dolce sguardo,
onde piove disir, gioia e diletto,
l’alma impiagata e ’l cor legato e stretto
oltra misura, onde mi struggo ed ardo.
     Men dunque acerbo de’ parer a vui
esser nel laccio aviluppato e preso,
ov’io si stretta ancor legata fui.
     Zelo d’ardente caritate acceso
esser conviene eguale omai fra nui
nel nostro dolce ed amoroso peso.