Rime (Stampa)/Rime d'amore/CCXXVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

CCXXVI

../CCXXV ../CCXXVII IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CCXXV Rime d'amore - CCXXVII

[p. 122 modifica]

CCXXVI

Non tutti comprendono la beltà del suo signore.

     Sapete voi perché ognun non accende,
e non empie d’amore,
l’infinita beltà del mio signore?
Però ch’ognun, com’io, non la comprende,
a cui per sorte è dato
vedervi quel, ch’a tant’altri è vietato;
ché, se non fosse ciò, le pietre e l’erbe
spirerebbeno ardore,
e girian di tal fiamma alte e superbe.