Rime (Stampa)/Rime d'amore/CCXXVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

CCXXVII

../CCXXVI ../CCXXVIII IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CCXXVI Rime d'amore - CCXXVIII

[p. 123 modifica]

CCXXVII

Rimproveri ad Amore.

     Se tu credi piacere al mio signore,
come si vede chiaro,
Amor empio ed avaro,
poi che non gli hai pur tócco l’alma e ’l core;
e, come è anche degno,
poi che con gli occhi suoi mantieni ’l regno;
perché vuoi pur ch’io moia?
Per dargli biasmo e noia?
biasmo d’esser crudele,
avendo uccisa donna sí fedele;
noia, perché, se vive del mio strazio,
chi lo farà poi sazio?