Rime (Stampa)/Rime d'amore/CLXXX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

CLXXX

../CLXXIX ../CLXXXI IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CLXXIX Rime d'amore - CLXXXI

[p. 98 modifica]

CLXXX

Egli a torto l’accusa di poca fede.

     Certo fate gran torto a la mia fede,
conte, sovra ogni fé candida e pura,
a dir che ’n Francia è piú salda e piú dura
la fé di quelle donne a chi lor crede.
     Se, come Amor ch’i pensier dentro vede,
e passa ov’occhio uman non s’assicura,
penetraste anco voi per mia ventura
ove l’imagin vostra altera siede,
     voi la vedreste salda come scoglio,
immobilmente appresso del mio core,
e diporreste meco il vostro orgoglio.
     Ma voi vedete sol quel ch’appar fuore:
per questo io resto, misera, uno scoglio,
e voi credete poco al mio dolore.