Rime (Stampa)/Rime d'amore/CLXXXVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

CLXXXVII

../CLXXXVI ../CLXXXVIII IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CLXXXVI Rime d'amore - CLXXXVIII

[p. 102 modifica]

CLXXXVII

Se gli dicesse tutta la sua passione, egli non l’abbandonerebbe.

     Se gran temenza non tenesse a freno
la mia lingua bramosa e ’l mio disio,
sí ch’io potessi dire al signor mio
come amando e temendo io vengo meno,
     io spererei che quel di grazie pieno
viso leggiadro, onde tutt’altro oblio,
quant’è ’l mio stato travagliato e rio,
tanto lo fesse un dí chiaro e sereno;
     e quello, onde m’avinse e strinse, nodo
non cercherebbe, lassa, di slegarlo,
allor che piú credea che fosse sodo.
     Ma per troppo timor non oso farlo:
cosí dentro al mio cor mi struggo e rodo,
e sol con meco e con Amor ne parlo.