Rime (Stampa)/Rime d'amore/CXLIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

CXLIV

../CXLIII ../CXLV IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CXLIII Rime d'amore - CXLV

[p. 80 modifica]

CXLIV

Lo supplica di star con lei.

     Ricorro a voi, luci beate e dive,
a voi che sète le mie fide scorte,
da poi che ’l cielo, Amor, fortuna e sorte
sono ai soccorsi miei si tardi e schive.
     Se per me in voi si spera e ’n voi si vive,
come avien che per voi pur si comporte
a star lunge da me quest’ore corte,
che ’l mio ben la pietà vostra prescrive?
     Dch non state oggimai da me piú lunge!
Fate che questo breve spazio sia
concesso a me d’avervi sempre presso;
     ché l’ardente disio tanto mi punge,
che certo finirà la vita mia,
se non m’è ’l vagheggiarvi ognor concesso.