Rime (Stampa)/Rime d'amore/CXV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

CXV

../CXIV ../CXVI IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CXIV Rime d'amore - CXVI

[p. 66 modifica]

CXV

Egli rivolga a sé le rime che scrive per lei.

     Quelle rime onorate e quell’ingegno,
pari a la beltà vostra e al gran valore,
rivolgete a voi stesso in far onore,
conte, come di lor soggetto degno;
     o trovate di me piú altero pegno,
se pur uscir da voi volete fore,
perché a sí larga vena, a tanto umore
son per me troppo frale e secco segno,
     e non ho parte in me d’esser cantata,
se non perch’amo e riverisco voi
oltra ogni umana, oltra ogni forma usata.
     Sí chiara fiamma merta i pregi suoi;
in questa parte io deggio esser cantata
fin ch’io sia viva, eternamente, e poi.