Rime (Stampa)/Rime d'amore/CXXV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

CXXV

../CXXIV ../CXXVI IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CXXIV Rime d'amore - CXXVI

[p. 71 modifica]

CXXV

Quesiti ad Amore.

     — Vorrei che mi dicessi un poco, Amore,
c’ho da far io con queste tue sorelle
Temenza e Gelosia? ed ond’è ch’elle
non sanno star se non dentro il mio core?
     Tu hai mille altre donne, che l’ardore
provan, com’io, de l’empie tue facelle:
or manda dunque queste a star con quelle,
fa’ ch’un di n’escan dal mio petto fore.
     — Io ho ben — mi dic’ei — mille persone
a chi mandarle; ma nessuna d’esse
ha, qual tu, da temer alta cagione.
     Le luci ch’ami son le luci stesse,
che, per dar gelosia e passione
a tutto il mondo, la mia madre elesse.