Rime (Stampa)/Rime d'amore/LVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

LVII

../LVI ../LVIII IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - LVI Rime d'amore - LVIII

[p. 33 modifica]

LVII

Non le occorron ritratti di lui, ch’è impresso nel suo petto.

     A che, signor, affaticar invano
per ritrarvi e scolpirvi in marmi o in carte,
o gli altri c’hanno fama di quest’arte,
o ’l chiaro Buonaroti, o Tiziano,
     se scolpito qual sète aperto e piano
v’ho nel petto e nel fronte a parte a parte,
sí che l’imagili d’indi unqua non parte,
perché siate voi presso o pur lontano?
     Ma forse voi volete esser ritratto
in sembiante leale e grazioso,
qual sète a tutti in ogn’opra, in ogn’atto;
     dove, lassa, ch’a pena dirvel oso,
vi porto impresso, qual vi provo in fatto,
un pochetto incostante e disdegnoso.