Rime (Stampa)/Rime d'amore/LXV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

LXV

../LXIV ../LXVI IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - LXIV Rime d'amore - LXVI

[p. 37 modifica]

LXV

Leggendo i versi di lei, in lui nasca qualche pietà.

     Dch, se vi fu giamai dolce e soave
la vostra fedelissima Anassilla,
mentre serrata, sí che nullo aprilla,
teneste del suo cor, conte, la chiave;
     leggendo in queste carte il lungo e grave
pianto, a cui Amor per voi, lassa, sortilla,
mostrar almen di pietà una scintilla,
in premio di sua fé, non vi sia grave.
     Accompagnate almen con un sospiro
la schiera immensa de’sospiri suoi,
che mille volte i ciel pietosi udíro.
     Cosí sia sempre Amor benigno a voi,
quanto a lei fu per voi spietato e diro;
cosí non sia mai cosa che v’annoi.