Rime (Stampa)/Rime d'amore/LXXII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

LXXII

../LXXI ../LXXIII IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - LXXI Rime d'amore - LXXIII

[p. 42 modifica]

LXXII

Allegoria della sua vita dolorosa.

     La mia vita è un mar: l’acqua è ’l mio pianto,
i venti sono l’aure de’ sospiri,
la speranza è la nave, i miei desiri
la vela e i remi, che la caccian tanto.
     La tramontana mia è il lume santo
de’ miei duo chiari, duo stellanti giri,
a’ quai convien ch’ancor lontana i’ miri
senza timon, senza nocchier a canto.
     Le perigliose e súbite tempeste
son le teme e le fredde gelosie,
al dipartirsi tarde, al venir preste.
     Bonacce non vi son, perché dal die
che voi, conte, da me lontan vi feste,
partir con voi l’ôre serene mie.