Rime (Stampa)/Rime d'amore/XL

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

XL

../XXXIX ../XLI IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - XXXIX Rime d'amore - XLI

[p. 25 modifica]

XL

Le onde del mare non han sempre, come lei, tempesta.

     Onde, che questo mar turbate spesso,
come turba anco me la gelosia,
venite a starvi meco in compagnia,
poi che mi sète si care e sí presso:
     cosí fiero Austro ed Aquilon con esso
men importuno e men crudo vi sia;
cosí triegua talor Eolo vi dia,
quel ch’a me da l’amor non m’è concesso.
     Lassa, ch’io ho da pianger tanto e tanto,
che l’umor, che per gli occhi verso fore,
è poco o nulla, se fosse altrettanto.
     Voi mi darete voi del vostro umore
quanto mi basti a disfogar il pianto,
che si conviene a l’alto mio dolore.