Rime (Stampa)/Rime d'amore/XXIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

XXIV

../XXIII ../XXV IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - XXIII Rime d'amore - XXV

[p. 17 modifica]

XXIV

Benedetti i martiri d’Amore, per i diletti che esso dâ!

     Vengan quante fûr mai lingue ed ingegni,
quanti fûr stili in prosa, e quanti in versi,
e quanti in tempi e paesi diversi
spirti di riverenza e d’onor degni;
     non fia mai che descrivan l’ire e’ sdegni,
le noie e i danni, che ’n amor soffersi,
perché nel vero tanti e tali fêrsi,
che passan tutti gli amorosi segni.
     E non fia anche alcun, che possa dire,
anzi adombrar la schiera de’ diletti
ch’Amor, la sua mercé, mi fa sentire.
     Voi, ch’ad amar per grazia sète eletti,
non vi dolete dunque di patire;
perché i martir d’Amor son benedetti.