Rime (Stampa)/Rime d'amore/XXV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

XXV

../XXIV ../XXVI IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - XXIV Rime d'amore - XXVI

[p. 17 modifica]

XXV

Vuol liberarsi da lui, e poi disvuole.

     — Trâmi — dico ad Amor talora — omai
fuor de le man di questo crudo ed empio,
che vive del mio danno e del mio scempio,
per chi arsi ed ardo ancor, canto e cantai.
     Poi che con tanti miei tormenti e guai
sua fiera voglia ancor non pago od empio,
o di Diana avaro e crudo tempio,
quando del sangue mio sazio sarai? —
     Poi torno a me, e del mio dir mi pento:
sí l’ira, il rimembrar pur lui, mi smorza,
che de’ miei non vorrei meno un tormento.
     Con sí nov’arte e con sí nova forza
la bellezza ch’io amo, e ch’io pavento,
ogni senso m’intrica, offusca e sforza.