Rime (Stampa)/Rime varie/CCLXIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime varie

CCLXIV

../CCLXIII ../CCLXV IncludiIntestazione 16 dicembre 2017 75% Da definire

Rime varie - CCLXIII Rime varie - CCLXV

[p. 152 modifica]

CCLXIV

Risposta ad un incerto encomiatore.

     È si gradito e sí dolce l’obietto
del mio foco, signor, e tanto e tale,
che di soffrir ardendo non mi cale
ogni acerbo mártir, ogni dispetto.
     Duolmi sol ch’io non sia degno ricetto
di tanto bene e a tanta fiamma eguale,
e che ’l mio stil sia infermo, stanco e frale
a portar l’opra, ove giunge il concetto.
     E sopra tutto duolmi che la ria
mia fortuna s’ingegna sí sovente
a dilungar da me la gloria mia.
     Che mi giova, signor, che fra la gente,
illustre, come dite, e chiara io sia,
se dentro l’alma mia gioia non sente?