Rime (Tassoni)/L'ombra di Carlo Emanuele duca di Savoia

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'ombra di Carlo Emanuele duca di Savoia

../Italia madre ai principi suoi figli ../Bellezze di Valladolid IncludiIntestazione 17 dicembre 2020 75% Da definire

L'ombra di Carlo Emanuele duca di Savoia
Italia madre ai principi suoi figli Bellezze di Valladolid

[p. 301 modifica]

XX

L’ombra di Carlo Emanuele duca di Savoia, che parla all’Italia.

     O del mio regio cuore idolo altero,
ricca d’amanti e priva di consorte,
povera Italia mia, toccata in sorte
or al franco, or al goto, or all’ibero,
    io solo in te fissai santo il pensiero;
quinci del tuo bel regno in su le porte
frenai l’altrui lussurie, ardito e forte,
degno io sol del tuo amor, tu del mio impero.
     Spesso mossi, egli è ver, guerre e ruine,
sorte spesso cangiai, ma non ingegno,
sol per veder de’ nostri amori il fine.
     Ma per tuo fato e per mio fatto indegno,
misero giaccio, e tu pur giaci alfine,
misera, senza re, io senza regno.