Rime (Tassoni)/Ma il segretario suo, ch'era un baccello

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Ma il segretario suo, ch'era un baccello

../Ai suoi parenti ../Sopra un avaro ricco IncludiIntestazione 17 dicembre 2020 75% Da definire

Ma il segretario suo, ch'era un baccello
Ai suoi parenti Sopra un avaro ricco

[p. 304 modifica]

XXIV

     Ma il segretario suo, ch’era un baccello,
e pretendea gran cose in poesia,
l’abbandonò in Parigi in sul piú bello
e lasciò al Ceva la segreteria:
poi, quando il vide col papal mantello,
subito si pentí de la follia
e venne a Roma a far questa faccenda,
ma giá la sua fortuna era in commenda.