Rime (Tassoni)/Vivo fonte beato

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Vivo fonte beato

../Amante sdegnato ../Per Marcantonio ed Ascanio Colonna IncludiIntestazione 17 dicembre 2020 75% Da definire

Amante sdegnato Per Marcantonio ed Ascanio Colonna
[p. 297 modifica]

XVI

     Vivo fonte beato,
nel cui celeste umore
ogni dolcezza sua rinchiude amore,
questo cuore infiammato,
deh! per dio riconsola,
poi ch’una stilla sola
del tuo dolce liquore
smorzar può un Mongibel, non che ’l mio ardore.
     Fontana di dolore
sei tu, ben che i sembianti
mostrin diletto agli allettati amanti,
ch’in te si bagna amore
quand’ei rinforza il natural valore
e tempra in te quei strali
con ch’egli ancide i miseri mortali.

[p. 298 modifica]

     A questa bella fonte,
credendo il fiero ardore
che lo strugge smorzar, corre il mio core;
ma, lasso, di veleno
è ’l suo dolce liquor cosí ripieno
ch’altro miglior conforto
non sa che ’l rimaner piú tosto morto.
     Fonte amoroso e vago,
che ’l ciel di te inamori
sí ch’in te bene amore
e ’l nèttare di Giove in te si chiude,
dammi, ché puoi, virtude
di cantare i tuoi pregi e ’l tuo valore,
ch’al tuo immortal liquore
cede Elicona il vanto.