Rime (Vittorelli)/Sonetti/Sonetto 6

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Filosofia

Al Chiarissimo Sig. Giacomo Chiodo, Copiatore delle Venete Leggi, essendo eletto Parroco un suo fratello. ../Sonetto 5 ../Sonetto 7 IncludiIntestazione 27 dicembre 2010 100% poesie

Al Chiarissimo Sig. Giacomo Chiodo, Copiatore delle Venete Leggi, essendo eletto Parroco un suo fratello.
Sonetti - Sonetto 5 Sonetti - Sonetto 7

[p. 22 modifica]

Al Chiarissimo Sig. Giacomo Chiodo, Compilatore delle Venete Leggi, essendo eletto Parroco un suo fratello.


Esci da l’ombre, dove teco alberga
     Lo stuolo immenso de le Adriache Leggi,
     E dove il bel Volume orni, e correggi 1
     Onde limpido e schietto il Vero emerga.

Esci, e a l’ampia città dando le terga,
     Su barchetta, che rapida galleggi,
     Afferra il lido, e cerca i pingui greggi,
     Ch’ or del Germano tuo bacian la verga.

Vedrai quelle felici alme campagne,
     Ove ride la gioja, ov’ altri mai,
     Fuor che il tradito rusignuol, non piagne.

E i Codici membrando: a che (dirai)
     Sudar io più, se tra i bifolchi e l’agne
     Quel Dritto, ch’ io ricerco, al fin trovai.

Note

  1. Egli soprantendeva allora a una nuova edizione del Veneto Statuto Civile, accresciuta, riordinata, purgata da gravissimi errori.