Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto CXVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto CXVI

../Sonetto CXV ../Sonetto CXVII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

Sonetto CXV Sonetto CXVII


SONETTO CXVI

Quel Sol, che su dal Ciel l’ alma innamora,
   Tosto per l’ onorata angusta strada
   Corse, per far del mondo ogni contrada
   Ricca della sua gloria in sì breve ora.
Non era in mezzo l’ emisperio ancora
   Il suo bel giorno, e dell’ invitta spada
   Ermo tremava e Nilo: abi come aggrada
   A morte, ch anzi tempo ogni ben mora!
Occaso non gli diè, che sempre in Orto
   Vivra la luce sua, per cui rinasce
   Virtude al cor, se dal martir è spenta.
Giunse ei qui dell’ onor al vero porto,
   Or gode il Ciel in Dio l’ alma contenta,
   E la mia quì del suo valor si pasce.