Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto CXXII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto CXXII

../Sonetto CXXI ../Sonetto CXXIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

Sonetto CXXI Sonetto CXXIII


SONETTO CXXII

Alma cortese, che con dolci accenti
   Lungi da Lete il tuo bel Sole onori,
   E di ogni sua vittoria eterni allori
   Consacri in carte alle future genti;
Per sparger, questi di virtute ardenti
   Tutti i suoi raggi, e fur di lui minori
   Destin, Fato, momento, umani errori,
   E ciò ch’ apporta di fortuna i venti.
Sol una nube amato lume infesta,
   Par che contrasti, e gir non lasci intiero
   Là dove il porta il tuo leggiadro stile.
Ciò fu, che ’l bel paese, u’ se di questa
   Terrena cinse, e d’ un bel nodo altiero
   Troppo ebbe (mentr’ ei ne fe giorno) a vile.