Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto LXI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto LXI

../Sonetto LX ../Sonetto LXII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

Sonetto LX Sonetto LXII


SONETTO LXI

Quanto di bel Natura al mondo diede
   Nell’ opra sua più cara, e più gradita;
   Quanto discopre il Sol, quanto si addita,
   Che del poter divin ne faccia fede.
Dispregia il Ciel, poi ch’ altamente riede
   Quella luce immortale ed infinita,
   Per nostra indegnitate a noi sparita,
   Che ’n Cielo ha paragon, qui tutto eccede.
Or il chiamarlo ognor, nè ’l piagner sempre,
   Fa minor’ il dolor, maggior la speme,
   Morto è il rimedio allor che nacque il danno.
E s’ avvien, che ’l martir non mi distempre,
   La cagion s’ appresenta, e ’l danno insieme,
   Ond’ il rifugio istesso apporta inganno.