Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto LXXXV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto LXXXV

../Sonetto LXXXIV ../Sonetto LXXXVI IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

Sonetto LXXXIV Sonetto LXXXVI


SONETTO LXXXV

Penso per addolcire i giorni amari
   All’ amata cagion far degna stima,
   Che viva in Cielo, e ’n terra ancor la prima
   Luce, che ’l secol nostro orni e rischiari.
Tento i gravi martir, dogliosi e cari,
   Narrar piangendo, e disfogargli in rima;
   Prendo consiglio da color, che ’n cima
   D’ alto saper son’ oggi eccelsi e rari.
Veggio, ch’ una volubil ruota move
   L’ instabil Dea, che per vie lunghe, o corte,
   Chi più lusinga, a maggior mal riserba:
Ma non trovando al fin ragion, che giove
   All’ alma, nel suo duol sempre proterva,
   Prego, che ’l pianto mio finisca Morte.