Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto LXXXVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto LXXXVI

../Sonetto LXXXV ../Sonetto LXXXVII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

Sonetto LXXXV Sonetto LXXXVII


SONETTO LXXXVI

Quando ’l gran lume appar nell’ Oriente,
   Che ’l negro manto della notte sgombra,
   E dalla terra il gelo, e la fredd’ ombra
   Dissolve, e scaccia col suo raggio ardente;
Dell’ usate mie pene alquanto lente,
   Per l’ inganno del sonno, allor m’ ingombra,
   Ond’ ogni mio piacer risolve in ombra,
   Quando da ciascun lato ha l’ altre spente.
O viver mio nojoso, o avversa sorte!
   Cerco l’ oscurità, fuggo la luce,
   Odio la vita ognor, bramo la morte.
Quel, ch’ agli occhi altrui nuoce, a’ miei riluce,
   Perchè chiudendo lor, s’ apron le porte
   Alla cagion, ch’ al mio Sol mi conduce.