Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto LXXXVIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto LXXXVIII

../Sonetto LXXXVII ../Sonetto LXXXIX IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

Sonetto LXXXVII Sonetto LXXXIX


SONETTO LXXXVIII

VOi, che miraste in terra il mio bel Sole,
   Deh fate agli altri che nol vider fede,
   Che, come il suo valor ogn’ altro eccede,
   Così son le mie pene al mondo sole.
Quanto ei valse, e non men l’ alma si duole,
   Chi la sua vita vide, or la mia vede;
   Chi quella gloria, or questa pena crede,
   Che ’l Ciel senz’ altr’ eguali ambe le vuole.
Ond’ ei m’ appar sovente in sonno, e dice:
   Nasce un miracol novo dal tuo danno,
   Che spesso in Ciel mi può far men felice.
Più novo è assai, dich’ io, ch’ al breve inganno
   D’ un nostro sguardo, che è nel sonno, lice,
   Tenermi viva in sì mortal affanno.