Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto XCVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto XCVII

../Sonetto XCVI ../Sonetto XCVIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

Sonetto XCVI Sonetto XCVIII


SONETTO XCVII

S’ Io potessi sottrar dal giogo alquanto,
   Madonna, il collo, e volger i pensieri
   Dalla mia luce altrove sciolti e ’ntieri,
   Gli porrei in voi, volgendo in riso il pianto.
Farei dolce lo stil, soave il canto,
   Per dir de’ vostri onori i pregi altieri,
   Che l’ alte sue virtù son regni veri,
   Non corona, nè scettro, o Real manto.
Ma a voi fu ’l Ciel sì largo, e a me la stella
   Sì parca, che s’ oppon tosto il mio Sole
   Tra ’l vostro Paradiso, e gli occhi miei.
Ei ritien la mia vista, e come suole
   L’ affrena in lui, per non veder men bella
   La vostra lode, e torme i cari omei.