Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto XLVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto XLVII

../Sonetto XLVI ../Sonetto XLVIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

Sonetto XLVI Sonetto XLVIII


SONETTO XLVII

Se ’l mio bel Sol, e l’ altre chiare stelle,
   Che ’l natio nido mio, l’ almo paese
   Adornan sì, che dell’ antiche imprese
   Le moderne opre lor non fur men belle.
Mi vedess’ io d’ intorno; e queste, e quelle,
   Formerian vago Ciel, largo e cortese,
   Contra quest’ altro irato, e l’ empie accese
   Sue luci a’ miei desir sempre rubelle.
Con ciascuna lor vita, invide Parche,
   Mill’ altre ne trovaste, ed anzi tempo,
   Che al chiaro stame suo viveano avvolte.
Ond’ io non vivo già, ma sol m’ attempo
   Per la dolce memoria, ch’ elle scarche
   Del mondo, al Ciel volar libere e sciolte.