Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto XVIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto XVIII

../Sonetto XVII ../Sonetto XIX IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

Sonetto XVII Sonetto XIX


SONETTO XVIII

Di così nobil fiamma Amor mi cinse,
   Ch’essendo spenta, in me vive l’ardore;
   Nè temo nuovo caldo, che ’l vigore
   Del primo foco mio tutt’ altri estinse.
Ricco legame a bel giogo m’avvinse,
   Tal che disdegna umil catena il core;
   Nè più speranza vuol, nè più timore;
   Ch’un sol incendio l’arse, un nodo strinse.
Un sol dardo pungente il petto offese
   Sì, ch’ei riserba la piaga immortale
   Per schermo contra ogni amoroso impaccio.
Amor le faci spense, ove l’accese,
   L’arco spezzò all’avventar d’un strale,
   Sciolse ogni nodo all’ annodar d’un laccio.